lunedì 15 settembre 2008

Vivimilano.it - «Lombardia in bici», la festa è su due ruote

«Lombardia in bici», la festa è su due ruote Terza edizione dedicata al mezzo ecologico più usato al mondo, in concomitanza con il Salone del Ciclo in Fiera. Iniziative alla Bicocca. Per dieci giorni bicicletta superstar, e se lo merita visto che è il mezzo di locomozione più usato nel mondo. Dal 14 al 24 settembre c'è la terza edizione di «Lombardia in bici»: una serie di eventi, promossi in tutta la regione, per migliorare la vivibilità e l'aria delle città e per ritrovare un rapporto col territorio rovinato dai mezzi a motore. In programma spostamenti collettivi, ovviamente su due ruote, verso i luoghi di lavoro o di studio, il terzo censimento della mobilità ciclistica, mostre fotografiche e, soprattutto, biciclettate in campagna e nelle città d'arte. «È importante sensibilizzare la gente all'uso della bici per diminuire il traffico e l'inquinamento - ha detto Marco Pagnoncelli, assessore regionale alla Qualità dell'ambiente, presentando l'iniziativa - ma anche per vivere più da vicino la città. Si devono, però, creare le condizioni e i mezzi idonei per la mobilità su due ruote. Per questo motivo, la Regione si sta impegnando a estendere e migliorare la rete di piste e percorsi ciclabili». «"Lombardia in bici" è un ottimo esempio di collaborazione tra le autorità pubbliche e l'associazionismo privato per portare avanti un progetto, qual è l'uso di un mezzo di trasporto eco-sostenibile come la bici - ha detto Luigi Riccardi, presidente della Fiab -. Nelle aree urbane e metropolitane, lo sviluppo dell'uso delle due ruote deve, però, essere integrato con i mezzi pubblici. Purtroppo questo tipo di consapevolezza ancora manca in Italia».
INIZIATIVE
Si comincia venerdì con il «Forum delle Province ciclabili» per continuare martedì con la consueta «Biciclettata dei sindaci» che partirà dalla sede della Provincia per arrivare in piazza Mercanti. Oltre ai rappresentanti degli oltre 50 Comuni che hanno già aderito, alla pedalata saranno presenti anche il responsabile di Palazzo Isimbardi Filippo Penati e gli assessori all'Ambiente della Regione Marco Pagnoncelli, del Comune Edoardo Croci e della Provincia Pietro Mezzi. La Provincia presenterà poi le sue iniziative per i ciclisti: i 2,8 milioni di euro stanziati quest'anno per costruire 16 chilometri di nuove piste ciclabili e un deposito per custodire, noleggiare e riparare le bici; la «Carta dei Comuni in bici» che si impegnano a favorire l'uso delle due ruote e chiedono risorse a Regione e Governo; e le 100 biciclette che Palazzo Isimbardi metterà a disposizione di dipendenti, assessori e consiglieri per spostarsi in città.
GRANDE NOTTE
Non mancherà l'ormai tradizionale «Grande Notte della Bici», venerdì in corso Buenos Aires, già da alcuni giorni decorato con biciclette luminose che brillano sulle teste dei passanti. Per l'occasione saranno presenti due cicloviaggiatori: Matteo Scarabelli, giornalista e scrittore milanese reduce dal viaggio a pedali lungo il Mediterraneo concluso il 28 luglio, e Alberto Fiorin, scrittore veneziano, protagonista del viaggio da Venezia a Gerusalemme in bicicletta e autore del libro-reportage «Salam Shalom». Modera l'incontro lo scrittore e giornalista Claudio Jampaglia (corso Buenos Aires angolo via Scarlatti, venerdì ore 21).
ALLA BICOCCA
Infine, nello spirito che la bicicletta non è solo una valida soluzione per combattere il traffico nella nostra città ma è anche un soggetto con il quale costruire momenti aggregativi sportivi, culturali e di solidarietà, l'università della Bicocca ospita una serie di iniziative dal 15 al 24 settembre: due mostre fotografiche, una della giovane fotografa Flavia Faranda che ha compiuto un viaggio attraverso le ciclofficine milanesi e una dedicata a un progetto di solidarietà nel Togo; una pedalata (con rifresco) nel Parco Nord; uno stand di accoglienza ciclisti davanti all'ateneo, con la possibilità di effettuare riparazioni e infine uno spettacolo a tema al Teatro della Cooperativa, «Ciclonica – Monologo per donna in bicicletta».